Alassio ancora col fiato sospeso

"L'avevamo detto, l'attenzione doveva comunque rimanere alta" Franca Giannotta, assessore alla Protezione Civile del Comune di Alassio,  se da un lato sospira di sollievo nell'aver superato l'allerta idrogeologica rossa, limitando al minimo i danni, dall'altro è ben lungi dal considerare chiuso il capitolo emergenza. Il mare infatti, ignorando i meccanismi dell'allerta, non accenna a quietarsi e anzi, nelle ultime ore ha ripreso la sua avanzata verso le passeggiate. "Continua a lambire il litorale, raggiungendo le passeggiate a mare - spiega Giannotta - e la previsione dei tecnici è di un costante aumento del moto ondoso fino alle 18 circa di questa sera. Insieme alla Protezione Civile e alla Polizia Municipale continueremo a monitorare l'evoluzione delle condizioni del mare" Ulteriori aggiornamenti nelle [...]

Avviso mareggiata

In attesa che venga formalizzata un'eventuale allerta meteo dall'Arpal quella che si sta delineando è però una situazione di allarme dal punto di vista idrogeologico, ma soprattutto per quanto attiene la previsione del moto ondoso per la giornata di domani, venerdì 20 dicembre: dalle ore 14 in avanti è infatti previsto un repentino innalzamento del mare. Il picco è previsto dalle ore 16 alle ore 20. Nella nottata successiva il moto ondoso dovrebbe scendere altrettanto rapidamente. "Sulla base di queste indicazioni - spiega Franca Giannotta, Assessore alla Protezione Civile del Comune di Alassio - attiveremo e inviteremo gli esercenti che insistono sul litorale alassino alla massima allerta dalle 15 in poi. Prevediamo che le onde salteranno sulle passeggiate a mare, impatteranno su case e [...]

By |19 dicembre 2019|Categories: Ambiente, Istituzioni|Tags: , , |

…un anno fa…

Qualcuno quella mattina ha pianto, qualcuno ha scherzato per non piangere o per non imprecare, qualcuno ha pianto, scherzato e imprecato... tutti si sono rimboccati le maniche. Alassio quella mattina, esattamente un anno fa, si è svegliata sotto l'assedio di un mare mai tanto ostile. Un mare che ha invaso e distrutto la città... L'hanno chiamata "la tempesta perfetta", del resto nessuno ricordava onde tanto alte o raffiche di vento così forti. Ma quella mattina Alassio si è svegliata con la voglia di rinascere, più bella e forte di prima. La sfida dei trenta giorni per ripristinare strade, passeggiate, giardini e parchi pubblici da un lato; negozi e locali pubblici dall'altro. Due milioni di euro stanziati dal Comune per far [...]